News Studio Biagi

MUTUO CONDIZIONATO quando è utilizzabile come titolo esecutivo

MUTUO CONDIZIONATO quando è utilizzabile come titolo esecutivo

Il contratto di mutuo condizionato, pur recando la forma dell’atto pubblico, è inidoneo ad assumere l’efficacia di titolo esecutivo, non documentando un credito dotato dei requisiti di certezza, liquidità ed esigibilità richiesti dall’art. 474 c.p.c. Il mutuo,infatti, secondo il codice civile, è un contratto reale, un contratto cioè la cui peculiarità è quella di perfezionarsi con la datio rei, e non per l’effetto del mero consenso espresso dalle parti nei modi di legge. Al fine di accertare se un contratto di mutuo possa essere utilizzato quale titolo esecutivo,sarà necessario verificare se contenga pattuizioni volte a trasmettere con immediatezza la disponibilità giuridica della somma mutuata e che entrambi gli atti, di mutuo e di erogazione, rispettino i requisiti di forma imposti dalla legge. Qualora il contratto di mutuo, dunque, preveda che la somma mutuata sia rimasta indisponibile in deposito cauzionale presso la banca mutuante sino al verificarsi di condizioni future e incerte, rimesse alla volontà della parte mutuataria, il contratto di mutuo, che per definizione dovrebbe essere reale, diventa in realtà un contratto condizionato e, pertanto, difetta della immediata consegna del denaro dal mutuante al mutuatario, posticipando necessariamente ad un momento futuro ed incerto il perfezionamento negoziale.

SEDE LEGALE

Piazza di S.Maria Liberatrice 45, 00153, Roma

CONTATTI TELEFONICI

+39 06 86.58.00.68
+39 327 077.30.39
+39 339.258.96.46

La NOSTRA E-MAIL

C.Biagi@studioassociatobiagi.it

Contattaci per maggiori informazioni

Attenzione! Campo obbligatorio
Attenzione! Campo obbligatorio
Attenzione! Campo obbligatorio
Attenzione! Campo obbligatorio

Accetto il trattamento dei dati per la richiesta - Privacy Policy *

Attenzione! devi accettare l'informativa sulla privacy
Grazie per averci contattato
Si è verificato un'errore, riprova più tardi.